Biografie

Gottfried von Banfield Castelnuovo di Cattaro - 1890 Trieste 1986
Gottfried von Banfield nacque il 6 febbraio 1890 a Castelnuovo di Cattaro in Dalmazia, figlio minore del capitano di marina Richard Mitis Banfield e della baronessa Natalie Mumb von Mühlhaim. La parte paterna famiglia era di origini irlandesi: nel 1830 suo nonno servì il re di Baviera e infine la monarchia degli Asburgo. Dopo aver frequentato la scuola navale di Pola e la scuola secondaria militare a St. Pölten, completò con successo l’accademia navale di Fiume il 17 giugno 1909. Servì come cadetto navale austro-ungarico su numerose navi da battaglia ("Arpad", "Erzherzog Friedrich") prima di... read all
"Cosa si può cucinare nel terzo anno di guerra?"
Questo fu il titolo scelto da Virginia Brunner per una conferenza tenuta il 6 dicembre 1916 a Innsbruck. Allora, tutti la conoscevano a Innsbruck. Oggi, la Brunner, come numerose altre donne che in ogni parte della monarchia asburgica contribuirono a rendere pubbliche le difficoltà della gestione domestica in guerra, sono finite nel dimenticatoio.
La sua vita e il suo impegno pubblico durante la guerra sono caratteristici del coinvolgimento delle donne nel cosiddetto fronte interno. Qui, già dopo il primo inverno di guerra, nella... read all
Alice Schalek Wien - 1874 New York 1956
Alice Schalek nacque il 21 agosto 1874 a Vienna da una famiglia ebrea dell‘agiata borghesia liberale. Dopo le prime pubblicazioni con lo pseudonimo di Paul Michaely, dal 1903 scrisse per più di 30 anni per il noto quotidiano viennese Neue Freie Presse. A partire dal 1905 la Schalek intraprese numerosi viaggi in terre remote, tra cui in Africa settentrionale, nel Vicino Oriente e in Asia sudorientale, che rielaborò in rubriche, libri e resoconti.
Per la Schalek, lo scoppio della Prima Guerra Mondiale significò inizialmente un ostacolo al lavoro: da un lato, infatti, non si poteva... read all
Il Barone Rosso: Manfred Albrecht von Richthofen Wroclaw - 1892 Vaux-sur-Somme 1918
Manfred Albrecht Freiherr von Richthofen nacque a Kleinburg (Breslavia, allora parte dell’impero tedesco), da una famiglia aristocratica prussiana. Poco portato per lo studio, il futuro Barone Rosso si distingueva nell’equitazione, nella caccia e nell’atletica. Avviato alla carriera militare dal padre, ufficiale dell’esercito, ad undici anni entrò nel corpo dei cadetti che completò nel 1911 prendendo servizio in cavalleria, negli Ulani.
Allo scoppio della Prima guerra mondiale partecipò alle fasi iniziali della campagna sulla fronte orientale come esploratore, venendo poi trasferito... read all
Mata Hari (Margaretha Geertruida Zelle) Leeuwarden - 1876 Vincennes 1917
Figlia di Adam Zelle e di Antje van der Meulen, Margaretha nacque in una cittadina situata nella provincia settentrionale olandese della Frisia. Il padre, uomo agiato, le garantì una solida istruzione, permettendole di frequentare istituti in cui le fu possibile imparare diverse lingue. Dopo la bancarotta del genitore ed il conseguente sgretolamento della famiglia Zelle, Margaretha, ormai quindicenne, divenne studentessa in una scuola per maestre d’asilo a Leida. Successivamente si trasferì presso uno zio all’Aja, da dove rispose all’annuncio letto su un giornale, scopo matrimonio, del suo... read all
Teresa Labriola (Napoli, 17 febbraio 1874 – Roma, 6 febbraio 1941).
Figlia di Antonio Labriola, noto filosofo marxista, crebbe in un ambiente vivace e stimolante. Iscrittasi alla facoltà di giurisprudenza dell’università di Roma, nel 1894 fu la prima donna a laurearsi in quella facoltà. Dal 1900 al 1918 ottenne la libera docenza in filosofia del diritto nel medesimo ateneo ma fallì nel tentativo di entrare nei ruoli della carriera universitaria, in gran parte a causa delle discriminazioni di genere. L'ostilità dimostratale dall'ambiente accademico in quanto donna, unita alla... read all
Philippe Pétain Cauchy-à-la-Tour - 1856 L'Île-d'Yeu 1951
Philippe Pétain fu una delle più importanti e controverse figure della storia francese contemporanea. La sua notevole longevità lo ha portato attraverso alcuni momenti cruciali della storia. Se nella prima parte della sua vita fu piuttosto uno spettatore degli eventi, durante le due guerre mondiali divenne uno dei maggiori protagonisti. La prima lo portò alla gloria, la seconda sancì la sua rovina.
Fino al 1914, la vita e la sua carriera militare di Pétain non furono niente di straordinario. Cadetto all'accademia di Saint-CyrMai, non fu mai chiamato in servizio all’estero... read all
Giuseppe Ungaretti Alexandria, Egypt - 1888 Milan 1970
Figlio di genitori di origini lucchesi, Giuseppe Ungaretti nacque ad Alessandria l’8 febbraio del 1888. Il padre si era trasferito in Egitto per fare lo sterratore nel cantiere del Canale di Suez. Un lavoro logorante, che lasciò Ungaretti orfano di padre all’età di due anni. Toccò alla madre, una donna di carattere e volontà, mantenere la famiglia grazie al forno che aveva aperto nei sobborghi della città.
Una madre a volte severa, ma dedicata ai propri figli, al punto che nonostante le difficoltà assicurò a Giuseppe e al fratello la giusta istruzione. Fu tra i banchi di scuola della... read all
Lord Horatio Herbert Kitchener Ballylongford-Listowel - 1850 mare delle Isole Orcadi 1916
Lord Kitchner wants you” fu probabilmente il manifesto propagandistico per antonomasia durante il Primo conflitto mondiale. Esso ritraeva il Segretario di Stato alla Guerra Lord Kitchener - con il cappello da Field Marshall, i caratteristici lunghi baffi, lo sguardo severo e il dito puntato – nell’atto di invitare lo spettatore ad arruolarsi nell’esercito britannico. Esso divenne una delle icone della Grande Guerra, ripreso in tutte le nazioni belligeranti persino durante la seconda guerra mondiale. L’immagine, opera dell’illustratore Alfred Leete, apparve per la prima... read all
Aleksei Brusilov Tbilisi - 1853 Mosca 1926
Aleksei Brusilov nacque nell’agosto 1853 a Tbilisi. Entrò nelle file dell'esercito russo ad agosto 1871, divenendo ufficiale durante la guerra russo-turca negli anni 1877-1878. Negli anni 1914-1918 fu inizialmente al comando dell'8° Armata (1914-1916), e poi comandante del fronte meridionale (1916). Dopo la caduta del regime zarista, da febbraio ad agosto 1917 fu comandante in capo dell'esercito russo. A partire dal 1919, prestò servizio nell’Armata Rossa. Nel 1925, in omaggio al suo servizio durante la Prima Guerra Mondiale, così come a riconoscimento del suo contributo alla vittoria della... read all
Pietro Badoglio Grazzano Monferrato - 1871 Grazzano Badoglio 1956
Il 6 agosto 1916, alle ore 7, si scatenò il fuoco di sbarramento delle artiglierie italiane da Tolmino al mare. Era iniziata la Sesta battaglia dell’Isonzo, che si sarebbe conclusa con la conquista di Gorizia, rappresentando la prima vittoria italiana dopo più di tredici mesi di guerra.
Sul monte Sabotino cinque battaglioni di fanteria, in soli 38 minuti, riuscirono ad espugnarne la vetta e a sorpassarla scendendo verso la sponda destra dell’Isonzo sul costone di San Mauro. Fino a quel momento il Sabotino aveva rappresentato uno dei principali ostacoli all’avanzata... read all
Cesare Battisti e l'Irredentismo Trento - 1875 Trento 1916
Cesare Battisti, politico, irredentista, giornalista e militare italiano, nacque a Trento il 4 febbraio 1875. Proveniente da una famiglia di estrazione medio borghese, crebbe nel Trentino asburgico, frequentò il ginnasio nel capoluogo tridentino e compì infine gli studi universitari  a Firenze, dove si laureò in Lettere nel 1897, con una tesi sulla geografia del Trentino. Durante gli anni dell'università si avvicinò all'irredentismo e agli ideali socialisti. Negli anni successivi continuò a rielaborare il proprio lavoro di tesi, agganciandolo agli ideali irredentisti miranti ad annettere... read all
Paul Emil von Lettow-Vorbeck Saarlouis - 1870 Hamburg 1964
Ufficiale tedesco originario di una famiglia nobile e di lunga tradizione militare della Pomerania, Paul von Lettow-Vorbeck nacque il 20 marzo 1870 nella cittadina di Saarlouis, situata nell’odierno distretto della Saar.
A undici anni, nel 1881, entrò nella scuola per cadetti di Potsdam, dove restò tre anni. Ottenne il suo diploma presso una seconda scuola, a Groß-Lichterfelde e, nel 1888, fece il suo ingresso, come allievo ufficiale, nel IV Reggimento guardie appiedate di Berlino.
La sua carriera lo portò molto presto lontano dalla Germania. Già nel 1900, cinque anni dopo la sua nomina a... read all
Churchill e la Grande Guerra Woodstock - 1874 London 1965
Winston Spencer Churchill nacque il 30 novembre del 1874 a Woodstock, figlio di lord Randolph Henry Spencer Churchill, fu importante uomo politico conservatore. Churchill frequentò l’accademia militare di Sandhurst, fu corrispondente dal Sud Africa in occasione della guerra Boera, poi dall’Afghanistan e dall’India. In Sudan partecipò alla guerra contro i Dervisci, distinguendosi nel reggimento Ussari durante la battaglia di Omdurman. Approdò in politica nel 1900 entrando nel partito conservatore, per poi spostarsi in quello liberale nel 1906. Nel 1908 fu presidente del... read all
Henry Gwyn Jeffreys Moseley  
Nato a Weymouth il 23 novembre 1887, fu un fisico inglese. Nel 1910 si laureò in fisica al Trinity College di Oxford. Dopo aver conseguito la laurea si traferì a Manchester ed entrò a far parte del team di ricerca di Ernest Rutherford, considerato il padre della fisica nucleare e vincitore del premio Nobel per la Chimica nel 1908, con cui lavorò fino al 1913. Nello stesso anno enunciò quella che sarebbe passata alla storia come “Legge di Moseley”, frutto dei suoi esperimenti nel campo della spettroscopia a raggi X. Con lo... read all
Allo scoppio della Grande Guerra la classe ufficiali era il prodotto di una rigida e antiquata istruzione basata su manuali militari ottocenteschi, a loro volta derivati da quelli napoleonici. Gli stati maggiori dei principali eserciti europei si facevano sostenitori di tattiche e specializzazioni - come l’assalto alla baionetta, i corazzieri, la cavalleria, uniformi vistose - nettamente superate. Dopo la guerra civile americana, nonostante interi reggimenti fossero stati spazzati via da armi sempre più potenti, tra le quali le prime mitragliatrici, il comando francese ricavò come unica... read all
L'8 settembre 1915 a Zimmerwald, alla fine del convegno che radunava i membri dei principali partiti socialisti europei, fu approvato un manifesto che condannava duramente la guerra in atto e tutti quei partiti, anche socialisti, che direttamente o indirettamente l'avevano permessa. Assieme ad esso fu inoltre prodotta una risoluzione di simpatia e solidarietà con coloro che erano perseguitati in patria a causa delle proprie posizioni pacifiste e antimilitariste. Tra i nomi dei principali militanti della sinistra socialista che si trovavano in stato di arresto o in condizioni di forti... read all
Luigi Cadorna: luci e ombre Pallanza - 1850 Bordighera 1928
Luigi Cadorna, il generale che guidò il Regio esercito fino a Caporetto, nacque a Pallanza il 4 settembre del 1850. Figlio del conte Raffaele Cadorna, generale che guidò l’esercito alla conquista di Roma nel 1870, Cadorna fu presto avviato alla carriera militare, frequentando la scuola militare Teuliè di Milano e l’accademia militare di Torino. Fece rapidamente carriera, scalando la gerarchia  fino ad occupare la carica di Capo di Stato Maggiore dell’esercito, nel luglio del 1914.
Con l’ingresso dell’Italia nel primo conflitto mondiale, Cadorna ebbe finalmente modo di... read all
D’Annunzio e la Sagra di Quarto Pescara - 1863 Gardone Riviera 1938
Il 24 maggio 1915 il regno d’Italia rompeva con la Triplice alleanza e dichiarava guerra all’Austria-Ungheria. Nei mesi di neutralità il paese assisté al confronto tra la maggioranza neutralista formata da socialisti, cattolici e giolittiani e la minoranza interventista presente in tutte le forze politiche ma che traeva maggiore sostegno tra nazionalisti e repubblicani e in particolare dalle due figure più importanti del governo: il presidente del consiglio Salandra e il ministro degli esteri Sonnino. A determinare l’affermazione della minoranza interventista... read all
Conte Ferdinand von Zeppelin Konstanz - 1838 Berlin 1917
Il conte Ferdinando von Zeppelin (1838-1917) appartiene alla schiera dei geniali pionieri, in fin dei conti sfortunati. Membro dell’alta aristocrazia del Württemberg, seguì la carriera militare nell’arma aristocratica per eccellenza: la cavalleria. Attirato dagli esperimenti dell’aviazione con i palloni aerostatici, a partire dagli anni ’80 iniziò a studiare il problema di come fosse possibile costruire palloni aerostatici a struttura rigida manovrabili. Le sue idee furono inizialmente considerate irrealizzabili, suscitando ironia nei confronti di Zeppelin,... read all