Febbraio 1918

Diserzioni e ammutinamenti nell'esercito austro-ungarico

Sul finire della guerra l'esercito austro-ungarico fu scosso da numerose rivolte interne a causa del protrarsi del conflitto, la carenza di generi alimentari e le tensioni nazionaliste che attraversavano l'impero multietnico. Episodi di ammutinamento si diffusero nelle retrovie e nel fronte interno, mentre le diserzioni aumentarono esponenzialmente a partire dal 1917, soprattutto tra i gruppi etnici slavi e ungheresi.