Tag: Silvia Sartori

In guerra, le dure condizioni a cui erano sottoposti i soldati durante i turni in trincea resero indispensabile che a giorni di estremo pericolo e sacrificio si alternassero periodi di relativa quiete. Le retrovie erano situate a pochi chilometri dalla prima linea e si estendevano da ambo le parti del fronte, dove prendeva vita un ampio sistema organizzativo e logistico, grazie al quale diventava possibile approvvigionare le truppe dei generi di prima necessità, rifornirle di armi e munizioni,...
Lev Trotsky oppure Lev Trockij, pseudonimo di Lev Davidovič Bronštejn, nacque in Ucraina meridionale, nel villaggio di Janovka, figlio di David Leontovič Bronštejn e da Anna L’vovna Životovskaja, una numerosa famiglia di origine ebraica. Il padre coltivò con profitto una proprietà terriera, grazie alla quale raggiunse un buon tenore di vita. Ancora bambino, fu mandato a studiare ad Odessa, dove venne ospitato da un nipote della madre, Moisej Spencer, intellettuale progressista. In questa città...
Giacomo Paolo Giovanni Battista Della Chiesa venne alla luce in una famiglia aristocratica genovese, sesto figlio dei marchesi Giuseppe e Giovanna Della Chiesa. Particolarmente attaccato alla madre e ai fratelli, ricevette buona parte della sua prima educazione scolastica a casa, in quanto cagionevole di salute. Proseguì con successo gli studi in una delle migliori scuole della città e presto sorse in lui la vocazione al sacerdozio. Nel 1875 conseguì la laurea in giurisprudenza e solo allora il...
Durante la Grande Guerra, la trincea divenne simbolo assoluto della tragica esperienza bellica di milioni di uomini. Fu con il primo conflitto mondiale infatti che l’interramento dei soldati diventò pratica usuale, modificando significativamente le modalità di scontro: non più brutali ma brevi battaglie, bensì lunghi e violentissimi combattimenti su spazi ampi e contro un nemico spesso invisibile. Sul Carso e lungo l’Isonzo gli Italiani, inizialmente in svantaggio rispetto all’avversario per la...
Figlia di Adam Zelle e di Antje van der Meulen, Margaretha nacque in una cittadina situata nella provincia settentrionale olandese della Frisia. Il padre, uomo agiato, le garantì una solida istruzione, permettendole di frequentare istituti in cui le fu possibile imparare diverse lingue. Dopo la bancarotta del genitore ed il conseguente sgretolamento della famiglia Zelle, Margaretha, ormai quindicenne, divenne studentessa in una scuola per maestre d’asilo a Leida. Successivamente si trasferì...
Abbonamento a RSS - Silvia Sartori