Tag: Strafexpedition

"È giunto il momento della sconfitta del nostro malvagio nemico. Tutte le armate del nostro fronte devono partecipare all'attacco. La mia ferrea speranza è che il nostro imbattibile esercito saprà ottenere la vittoria completa "
Proclama del Comando del Fronte Sud alle truppe, del 3 giugno 1916.

Fritz Weber (1895-1972), ufficiale dell’esercito austro-ungarico, fu a forte Verle (oggi in Trentino), combatté sull’Altipiano dei Sette Comuni, sul Pasubio e sul Carso. Dalla sua opera, Tappe della disfatta, sono tratte queste testimonianze riferite ai primi giorni della Strafexpedition (titolo originale Das Ende einer Armee, prima traduzione italiana nel 1934).
Maggio 1916, da Monte Verle a Monte Verena (Tn e Vi).
“Aprile volge alla fine. I battaglioni nemici […] schierati di fronte alla I° Armata sono più di duecento; i cannoni, fra cui moltissimi di grosso e medio calibro, più di mille. Una immane valanga”
(Capitano Cesare Pettorelli Lalatta, ufficio Informazioni della I° Armata)
Abbonamento a RSS - Strafexpedition