Tag: tavola

“Ci sono per il povero a 'sto mondo due grandi modi di crepare, sia con l'indifferenza generale dei suoi simili in tempo di pace, sia con la passione omicida dei medesimi quando vien la guerra.” 
Louis-Ferdinand Céline, Viaggio al termine della notte

Il 27 ottobre 1918 il comandante della flotta tedesca von Hipper impartì l'ordine di sferrare un ultimo disperato attacco alla Royal Navy. L'intera Hochseeflotte avrebbe dovuto scontrarsi con un nemico superiore, andando incontro a una disfatta certa. Tuttavia, il 3 novembre 1918, a Kiel diversi equipaggi delle navi da battaglia tedesche si ammutinarono e i fuochisti spensero i motori, impedendo l'uscita in mare delle navi. L'ammutinamento assurse da subito a simbolo della sconfitta tedesca e...
Wilfred Edward Salter Owen (1893 – 1918) è da molti considerato il principale poeta della Prima guerra mondiale. Nonostante questo, Owen non vide mai pubblicate le proprie opere, a parte alcune poesie incluse nella rivista The Hydra. La sua war poetry – che descriveva le atrocità della guerra – venne portata al pubblico solo dopo la sua morte, ed ebbe una seconda riscoperta negli anni Sessanta.
Owen morì il 4 novembre 1918, solo una settimana prima della fine della guerra; la...
Attirato dalle ostilità, nel 1918 Ernest Hemingway decise di raggiungere l’Europa vestendo l’uniforme da sottotenente di complemento, nonostante un problema ad un occhio. Entrò a far parte della Croce Rossa e, passando attraverso la Francia, giunse a Milano, dove, appena arrivato, dovette assistere con orrore alle conseguenze devastanti provocate dall’esplosione di una fabbrica di munizioni: Ernest ed i compagni furono costretti a recuperare corpi ridotti in brandelli. Dopo tre giorni, si...
Il 21 marzo 1918 ebbe inizio l'Operazione Michael, la prima delle cinque offensive previste dall'esercito tedesco, le ultime sul fronte occidentale. Fu proprio Ludendorff a progettare l'ultima di queste offensive; la battaglia ebbe inizio il 15 luglio, ma l'esercito francese, con il supporto di truppe americane, britanniche e italiane, interruppe l'attacco e respinse i tedeschi.

Paradossale fu di sicuro il nome scelto per quest'ultima offensiva: Friedensturm, ovvero “Battaglia per la...
Il 9 gennaio 1918 alcune truppe dell'esercito americano ingaggiarono battaglia con una banda di nativi americani Yaqui, presso la Bear Valley in Arizona. La battaglia venne combattuta a cavallo, con cariche di cavalleria e schermaglie a terra. Fu uno scontro “minore”, ma in qualche modo importante perché rappresenta l'ultima fase delle cosiddette guerre indiane tra nativi americani e coloni e, in qualche modo, la fine di un'epoca che caratterizzò il secolo precedente.
Il 15 gennaio dello stesso...
L'11 dicembre 1917 il generale britannico Edmund Allenby (1861 – 1936) entrò a Gerusalemme, sottratta agli ottomani il 9 dello stesso mese, attraverso la Porta di Jaffa. Il generale, in segno di rispetto alla Città Santa, decise di entrare a piedi e non a cavallo, come testimoniato dallo stesso Allenby:
“...Entrai nella città ufficialmente a mezzogiorno, l'11 dicembre, con alcuni uomini del mio staff, i comandanti del distaccamento francese e italiano, i capi delle missioni politiche, gli...
Ljudevit Pivko, tenente sloveno irredentista e intenzionato a colpire dall'interno l'Impero austro-ungarico al quale apparteneva, divenne l'inatteso alleato degli italiani per tentare un attacco a sorpresa che li avrebbe condotti oltre le linee nemiche. In seguito alla consegna di alcuni schizzi topografici relativi alla linea difensiva in Valsugana – considerati attendibili dal maggiore italiano Cesare Pettorelli Lalatta – Pivko divenne informatore del Servizio Informazioni dell'esercito...
Alle 03:50 del mattino del 31 luglio 1917, con l'assalto di nove divisioni britanniche all'altura di Pilckem, iniziò la battaglia di Passchendaele, definita dal generale tedesco Hermann von Kuhl «[...] il più grande martirio della prima guerra mondiale [dove] nessuna divisione riusciva a resistere più di una settimana in quell'inferno.»
La battaglia, conclusasi nel novembre dello stesso anno, vide schierati i britannici da un lato e l'impero tedesco dall'altro. Le enormi perdite, confrontate...
"Quando è finita la guerra?" "La guerra non è finita, muoiono a milioni. L'Europa è folle, il mondo è folle".
Sembra che queste furono le prime parole scambiate nel maggio del 1916 tra Ernest Henry Shackleton (1874-1922) e il direttore della stazione baleniera di Stromness nella Georgia del Sud. Il capitano Shackleton finalmente arrivò - con una barca di salvataggio, passando per il ghiaccio -ancora una volta nella civiltà, determinato a trovare i mezzi per salvare gli uomini della spedizione...

Pagine

Abbonamento a RSS - tavola