Novembre 1918

Gli ammutinati di Kiel

Il 27 ottobre 1918 il comandante della flotta tedesca von Hipper impartì l'ordine di sferrare un ultimo disperato attacco alla Royal Navy. L'intera Hochseeflotte avrebbe dovuto scontrarsi con un nemico superiore, andando incontro a una disfatta certa. Tuttavia, il 3 novembre 1918, a Kiel diversi equipaggi delle navi da battaglia tedesche si ammutinarono e i fuochisti spensero i motori, impedendo l'uscita in mare delle navi. L'ammutinamento assurse da subito a simbolo della sconfitta tedesca e della volontà di pace delle truppe, dando il via ad un periodo della storia tedesca estremamente convulso dal punto di vista politico e sociale, dove tra i suoi protagonisti vi fu la Lega Spartachista, movimento di estrema sinistra cappeggiato da Rosa Luxemburg e Karl Liebknecht. Il nome derivava dal quotidiano Spartakusbriefe (lettere di Spartaco) - edito dal 1916 - che a sua volta si ispirava al leggendario gladiatore trace che cappeggiò la rivolta antischiavista nella Roma repubblicana. Nel gennaio del 1919 gli Spartachisti tentarono la presa del potere dando vita ad una sollevazione contro il governo di Berlino, venendo duramente repressi dall'esercito e dai Freikorps su ordine del nuovo cancelliere socialdemocratico Ebert mentre Liebknecht e la Luxemburg furono assassinati.