Novembre 1917

Majakóvskij

“[...] Voglio che a una baionetta/ sia equiparata la penna [...]”

Questi versi sono tratti dalla poesia A casa! del 1925 di Vladímir Vladímirovič Majakóvskij (1893 – 1930), poeta e drammaturgo cantore della rivoluzione d'ottobre. Majakóvskij intende, con questi versi, paragonare la forza dei rivoluzionari in armi a quella intellettuale: le baionette dei soldati devono diventare delle penne, delle armi utili a diffondere l'ideologia comunista e rivoluzionaria.

La sua è una rivoluzione anche sul piano linguistico: il suo linguaggio è essenziale e fa uso di espressioni popolari e, nella sua concezione, il poeta stesso deve essere contemporaneamente artista e politico, veicolare la propria creatività verso il sostegno della rivoluzione bolscevica, in completa rottura con il passato.